Forum Trial

TRIAL ITALIA | Promuovi anche tu la tua Pagina

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Trial della Nazioni 2011

La Spagna ha stravinto il Trial della Nazioni 2011. Una vittoria schiacciante, come sempre, e un dominio che non è mai stato messo in dubbio, dal momento in cui, venerdì sera hanno restituito come sempre si fa il trofeo. La squadra di Toni Bou, Adam Raga, Albert Cabestany e Jeroni Fajardo ha vinto per la diciottesima volta (dal 1984) e la ottava consecutiva, il titolo a squadre. La Spagna chiude con 28 penalità contro le 117 della Gran Bretagna e le 159 penalità dell’Italia.

Alla fine del primo giro la Spagna aveva dieci penalità, e già alle loro spalle il distacco era importante visto che la Gran Bretagna chiudeva con 45 penalità. Il terzo posto era nelle mani degli italiani a 68 penalità mentre la Francia che era quarta aveva ben 123 penalità. Il sostegno del pubblico ed il tifo è stato di grande livello, e all’altezza di questo mondiale a squadre che per quest’anno ha calcato i terreni di Tolmezzo, in una tappa ben organizzata dal Moto Club Carnico. Il terzo gradino del podio conquistato dall’Italia è stato la ciliegina su una torta.

La pioggia caduta copiosa da stamattina alle 9 si è fermata alle 11 ed ha permesso alla gara di acquistare quel pizzico in più di difficoltà regalando suspance ed emozioni ad ogni passaggio. Il secondo giro è stato leggermente più veloce rispetto al primo e soprattutto alcune zone hanno cominciato ad asciugarsi permettendo ai piloti di cavarsi d’impaccio con minore fatica. Peccato il temporale conclusivo che ha complicato un pochino la vita alle ultime squadre. L’Internation Trophy è andato alla Germania con 111 penalità mentre la Sevzia a 129 è seconda davanti alla Repubblica Ceca a 135. Non perdetevi l’ampia galleria fotografica a corredo.

Condividi