Benvenuto! Accedi o registrati.
EnduroItalia

International Six Days Enduro, ISDE | Promote your Page too

ENDURO ITALIA | Promuovi anche tu la tua Pagina


Pagine: [1]   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: [DAY 6] 87^ ISDE 6 DAYS ENDURO IN GERMANIA 29 SETTEMBRE 2012  (Letto 3717 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
REDAZIONE ENDURO
ENDUROITALIA
Staff
Endurista
*****

Reputazione 9931
Messaggi: 15810



WWW Oscar
« inserita:: 29 Settembre 2012, 10:51:09 »

DAY 6

RISULTATI DAY 6:

FIM ISDE LIVE RESULT

FOTO GALLERY

FONTE: FEDERMOTO

E' tutto pronto per la prova finale dell'87^ Sei Giorni. Si svolgerà su un percorso di supermotard, un misto asfalto-fuoristrada all'interno del circuito  ;del Sachsenring. Aprono il programma i piloti dei club, poi le donne e infine, a partire dalle 13:30, si chiude con i Trofei. Sono suddivisi per classi e in batterie da massimo 30 con partenza dal cancelletto. Partiranno per primi i piloti indietro nella classifica di classe.

Il tanto pubblico, che abbiamo trovato nelle speciali e lungo i trasferimenti, è presente in numero consistente sui prati e le collinette del circuito del Sachsenring, sebbene il biglietto di ingresso costi 20 Euro.

Per seguire il live timing potete visitare il sito: http://www.fim-isde-live.info/

17:40 Si chiude la Sei Giorni 2012. Come previsto abbondantemente la vittoria va al dream team francese che precede l'ottima Australia, mentre la Maglia Azzurra può brindare con un bellissimo 3^ posto. In classifica individuale la vittoria va a Nambotin che precede i connazionali Meo e Renet. Quarto l'altro francese Aubert. Salvini è 6^ nell'assoluta e 3^ in E2.

16:40 Anche alla nuova partenza Monni ricade e, quindi, dovrà condurre tutta la gara partendo dalle retrovie. Gran gioco di squadra azzurro con l'ex crossista che aggancia il compagno Mirko Gritto che lo lascia passare per cercare un risultato importante, sicuramente alla portata di Manuel..

16:31 Gran finale della E3 con la partenza, ancora manuale. Al via cade Monni, ma così come per la partenza della E2, i giudici decidono di farla ripetere e, quindi, l'ex crossista azzurro ritorna in gara.

16:05 Salvini chiude quarto e difende il terzo posto in E2. Vuole attaccare Price ma la sua Husqvarna ha meno motore degli altri nei tratti in asfalto. Ora aspettiamo Gritti e Monni in finale della E3 per festeggiare il podio dell'Italia. Si continua con il cancelletto manuale nelle partenze.

15:45 La guria di gara svntola la bandiera rossa, si rifà la partenza, la E2 è ancora più accesa di quanto si pensasse.

15:39 Purtroppo cade al via Salvini, gara in salita per lui, ma si può ancora recuperare poiché Remes, che lo precede di poco, è caduto anche lui nella E1

15:30  Pronti al via i migliori dell'E2 la classe più combattuta e difficile. Salvini ci ha anticipato che proverà ad attaccare, con lui nella stessa manche anche Moroni e Philippaerts

14:10 BNella prima batteria della speciale cross test che chiude l'ISDE2012 si impone lo statunitense Michael Brown sul connazionale Mullins e sul francese Thain. Ottima prova per Maurizio Micheluz che chiude 12^. Da tenere sotto osservazione l'8^ posto di Meo che si sta giocando la leadership dell'assoluta con il connazionale Nambotin che gareggerà dopo.

11:10 Buona prova di Diego Muzzin (Team Sardegna) che nella sua batteria cross chiude 4^ e sarà 25^ assoluto.

11:00 I primi a scendere in pista sono i piloti dei Club della C1, classifica Generale [NDR di giornata, nella classifica a squadre della sei giorni 3^ posizione per la Maglia Azzurra tra i club] che sorride all'Italia visto che i primi tre posti [NDR classifica Assoluta Individuale] con tutti piloti azzurri, ovvero Jacopo Cerutti, Davide Soreca e Riccardo Crippa.
Grande gara per Cerutti che ottiene il 4^ posto nella manche.
Molto bene anche Crippa e Soreca che chiudono rispettivamente in 8^ e 12^ posizione....

10:00 Clamoroso, si e' rotto il cancelletto nella finale C2 e partenza annullata. Dopo si e' partiti con il via manuale, il direttore di gara ha sventolato la bandiera dopo i classici cartelli di 15 e 5 secondi



RIEPILOGO

DAY 1
Stollberg, Thalheim, Zwönitz (rounds 2)  -  125 km [singolo giro]

DAY 2
Stollberg, Thalheim, Zwönitz (rounds 2)  - 125 km [singolo giro]

DAY 3

Liaison internship to Zschopau Around Zschopau (2 rounds) - 125 km 125 km [singolo giro]

DAY 4
Liaison internship to Zschopau Around Zschopau (2 rounds) - 125 km 125 km [singolo giro]

DAY 5
Day 5:     Zwickau, Kirchberg, Lugau (2 rounds)  -  125 km [singolo giro]

DAY 6

Registrato

REDAZIONE ENDURO
ENDUROITALIA
Staff
Endurista
*****

Reputazione 9931
Messaggi: 15810



WWW Oscar
« Risposta #1 inserita:: 30 Settembre 2012, 10:01:22 »



I transalpini fanno loro il trofeo mondiale, lo junior e il femminile, nonché l’intero podio dell’assoluta. Ma l’Italia, a dodici mesi dalla debacle in Finlandia, risponde presente. Per la Maglia Azzurra 3° posto nel Trofeo Mondiale e la consapevolezza che solo il forfait di due piloti ha privato gli Under 23 di un ottimo risultato. Ora si può guardare alla Sei Giorni di casa, ad Olbia tra un anno esatto, con grande ottimismo.

Per la prova finale che ha chiuso l'87° Six Days di Enduro, gli organizzatori hanno scelto un percorso che potremmo definire da supermotard, un misto asfalto-fuoristrada all'interno del circuito del Sachsenring che, per onore del vero, non ha né regalato molto spettacolo agli spettatori né riscosso grandi consensi tra i piloti. Le gare sono state caratterizzate dai pochi sorpassi e, gli unici colpi di scena, sono avvenuti alle varie partenze che gli organizzatori che hanno deciso di utilizzare il cancelletto. Le gare erano a gruppi da massimo trenta piloti, sull’erba, una prima curva a destra e poi l’inserimento sull’asfalto del circuito. Tutto è filato liscio in mattinata, poi complice una rottura del cancelletto, si è proceduto nelle manche con i top rider con lo start manuale che ha portato alcuni piloti ad anticipare il via per cui ci sono state diverse partenze ripetute.

La Maglia Azzurra ottiene, così, dopo questa estenuante gara di sei giorni, il 3° posto finale nel Trofeo Mondiale, un podio forse inaspettato, ma che corona meritatamente i nostri piloti alle spalle della fortissima Francia che piazza quattro piloti nelle prime quattro posizioni dell’individuale, e della sorprendente Australia. Caratteristica principale della squadra italiana è stata la costanza di rendimento e l’aver ragionato come una vera squadra sia nei momenti di gioia sia nei momenti difficili come, ad esempio quello dopo l’inaspettato ritiro del pilota Oscar Balletti (E2 - Beta Racing) che ha dovuto dire addio alla competizione al 3° giorno per problemi alla moto. Sei Giorni da incorniciare per Alex Salvini (E2 – Husqvarna Team CH Racing) che termina al 6° posto di poco fuori dalla top five. Il pilota Husqvarna, però, chiude 3° in E2 alle spalle dei francesi Renet ed Aubert. Ottimo Trofeo Mondiale anche per Deny Philippaerts (E2 - Beta Team Beta Boano), Manuel Monni (E3 - KTM Team Farioli) Mirko Gritti (E3 - KTM MCT Motorace) che chiudono la Sei Giorni 2012 con ottimi risultati.

Anche il Trofeo Junior ha visto la netta vittoria della Francia su Gran Bretagna e gli ottimi Stati Uniti che chiudono il podio, ma la squadra azzurra esce comunque a testa alta anche da questa competizione grazie alle grandi prove offerte da Rudi Moroni (E3 - KTM - Team KTM Farioli) e Nicolò Mori (E2 - TM - Team TM) che, seppur rimasti soli dopo il forfait di Thomas Oldrati (E1 – Husaberg Team GP Sport) ottimo fino a quel momento quando dominava la classifica individuale, e Gianluca Martini (E1 – Beta Racing Team Lunigiana Enduro) entrambi per guasti alle moto, hanno onorato la maglia ben figurando. Peccato perché dopo il 1° posto nella prima giornata di gara il podio era abbondantemente alla portata della squadra azzurra.

L’Italia enduristica, comunque, può festeggiare anche un secondo 3° posto, quello del Moto Club Italia che chiude al 3° posto nella classifica per club con Jacopo Cerrutti  (TM Team Mefisto) che vince la classifica di categoria C1, Davide Soreca (CF1 – Team Beta Boano) è 2° e Nicolò Bruschi (C1 - Honda Team HM Honda-Zanardo) è 10.

Si chiude, così, questa bella Sei Giorni 2012 organizzata dalla Germania, l’appuntamento è rimandato all’anno prossimo quando ci si vedrà tutti a Olbia, in Sardegna, dal 30 settembre al 5 ottobre.

Paolo Sesti – Presidente della Federazione Motociclistica Italiana - “Lo scorso anno annunciavo che avremmo voltato pagina e ora posso dire che siamo sulla strada giusta per tornare nel giro di qualche edizione nuovamente protagonisti, anche se il lavoro è ancora lungo. Nel Trofeo siamo stati bravi ad ottenere un meritato terzo posto, il rimpianto è nello Junior dove sono certo che senza il forfait di due piloti avremmo lottato fino alla fine per qualcosa di importante. Ora il pensiero è già al prossimo anno quando ospiteremo la Sei Giorni 2013. Sicuramente dimostreremo ancora una volta l’eccellenza della nostra organizzazione. Per quanto riguarda l’aspetto sportivo non sarà semplice, ma contiamo di recitare un ruolo da protagonisti”.
Registrato

REDAZIONE ENDURO
ENDUROITALIA
Staff
Endurista
*****

Reputazione 9931
Messaggi: 15810



WWW Oscar
« Risposta #2 inserita:: 01 Ottobre 2012, 16:03:00 »

LA MEDAGLIA DI BRONZO ALL'ISDE 2012 IN GERMANIA SUL PROFILO TWITTER DI ALEX SALVINI:

Registrato

Pagine: [1]   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  

Powered by SMF 1.1.21 | SMF © 2006-2007, Simple Machines
XHTML | CSS | Aero79 design by Bloc